+41 91 922 81 81 Italian
+7 921 864 77 47 Russian
       
Home » » » Certificazioni

Certificazione per l’export dei prodotti verso l’Unione Doganale (Russia, Kazakistan e Bielorussia)

Product Compliance, nuove modalità di Certificazione per l’export dei prodotti verso l’Unione Doganale (Russia, Kazakistan e Bielorussia)

 

Alcuni importanti cambiamenti sono stati introdotti nel sistema di attestazione / certificazione dei prodotti destinati a questi mercati.

 

Nei paesi che aderiscono all’Unione Doganale, sono entrati in vigore i nuovi Regolamenti Tecnici. La nuova regolamentazione definisce nuove procedure per la certificazione dei prodotti sulla base di schemi armonizzati e che permettono l’emissione di certificati validi nei tre paesi e un nuovo marchio di conformità

 

Questo processo di evoluzione normativa simili all’approccio Europeo, ha comportato il riaccreditamento degli organismi di certificazione e del personale qualificato. 


 

Product Compliance Russia / EAC

L’esportazione di un prodotto o di un impianto verso un mercato extra UE richiede, indipendentemente dalla resa pattuita contrattualmente tra le parti, il rispetto di una serie di requisiti tecnici e normativi come ad esempio:

 

  • Composizione, Caratteristiche Tecniche;
  • Etichettatura, Imballaggio, Manualistica;
  • Destinazione d’uso, Origine delle merci/Materie Prime, ecc.

 

Il rispetto dei requisiti influenza in cascata Pagamenti, Assicurazioni, Trasporti, Sdoganamento Merci e Responsabilità specifiche del produttore nel paese di destino.

 

Nello specifico i beni destinati ai mercati dell’unione doganale richiedono:

 

  1. che il prodotto / impianto risponda in modo documentato ai requisiti del paese di produzione e che per il settore alimentare le materie prime provengano da stabilimenti autorizzati in ambito Unione Doganale Eurasiatica; 

  2. che i prodotti siano conformi in termini di etichettatura ed imballaggio ai requisiti specifici dell’Unione Doganale Eurasiatica; 

  3. che i Certificati di Prodotto / Dichiarazioni di conformità / Conclusioni Igienico Sanitarie, 
riportino il codice doganale ed i riferimenti alle merci oggetto della fornitura;

  4. che per i prodotti / impianti oggetto dell’esportazione regolamentati dai “Technical Regalement TRCU” sia identificato il rappresentante legale sul territorio dell’Unione Doganale 
Eurasiatica per le eventuali responsabilità derivanti da prodotto difettoso. 


 

HELP DESK CERTIFICAZIONI

A fronte della continua evoluzione delle autorizzazioni per l'esportazione dei prodotti di origine italiana verso la Federazione Russa e Unione doganale, abbiamo attivato un servizio di help desk certificazioni dedicato alle richieste ed ai dubbi degli esportatori.
 Per poter dare risposta alle domande, Vi chiediamo di formularle secondo il seguente schema:

 

Customs Code / HS CODE:
Name / description of the product:
Function of use:
Country of origin:
Country of destination:
Full Name - Company:*
Telephone:*
E-mail:*

In alcuni casi specifici, qualora le informazioni di cui sopra non fossero sufficienti, potremmo richiedere di integrare la richiesta con la scheda tecnica o layout del prodotto in lingua inglese o russa, o copia del contratto di fornitura. 

 

EAC Pre-Assessment (pre-certificazione)

Le restrizioni introdotte dall’agosto 2014 nell’interscambio tra UE e Federazione Russa per alcune tipologie di prodotti e tecnologie, hanno evidenziato, a fronte dell’intensificazione dei controlli sulle merci e sulla documentazione accessoria, la valenza positiva espressa dalla conformità dei prodotti.

 

Un prodotto conforme all’origine o comunque reso tale prima della sua immissione su un mercato estero assicura al produttore la rispondenza formale ai requisiti cogenti di un mercato specifico, prevenendo di fatto ulteriori approfondimenti, che talvolta possono essere di difficile interpretazione da parte di chi esegue il controllo.

 

Governare in azienda questi aspetti, oltre ad assicurare una pronta e puntuale risposta alle richieste dei diversi interlocutori, inclusi gli organismi di vigilanza, permette di acquisire una serie di vantaggi competitivi, quali:

 

  • Minimizzare gli impatti dell’adeguamento su produzione, tempi e costi;

  • Certezza della Titolarità e del Possesso di Certificati, Autorizzazioni e Licenze;
  • Assenza di “ Power of Attorney “ in favore dell’importatore o altri soggetti;
  • Puntuale classificazione merceologica e doganale;
  • Riduzione dei reclami e delle responsabilità in caso di anomalie;
  • Riduzione del rischio di un possibile contenzioso in caso d’interruzione del rapporto con distributore / importatore.

 

La lunga esperienza maturata dal nostro ente certificatore, in oltre 25 anni di attività sui mercati dell’ex URSS, ha contribuito alla messa a punto di un percorso di pre-asessment specifico per prodotti, attrezzature ed impianti, mirato a confermare, già prima della firma del contratto o della spedizione, la rispondenza ai requisiti necessari alla certificazione dei prodotti secondo gli standard locali o richiesti per legge per quella tipologia specifica di Prodotto / Impianto.

 

Il servizio di pre-assessment è basato su un iter valutativo mirato ad identificare tutti i requisiti applicabili ed a valutarne la rispondenza con le caratteristiche in essere. Il suo dettaglio analitico contribuisce inoltre al perfezionamento del contratto di fornitura e delle condizioni di vendita accessorie oltre che alle eventuali coperture assicurative ai fini della Product Liability.

 

Il rapporto prodotto a cura di un auditor esperto del settore, copre i seguenti aspetti:

 

  1. Classificazione merceologica
;
  2. Elenco delle normative e dei regolamenti tecnici applicabili
;
  3. Gap analysis tra Requisiti Tecnico-Normativi e Caratteristiche in essere;
  4. Stima dei tempi e dei costi di certificazione.

 

Infine i costi del servizio di pre-assessment, sono integralmente recuperabili dal successivo processo di certificazione, in quanto in assenza di modifiche sostanziali o variazioni normative, i file tecnici acquisiti vengono trasferiti nel fascicolo certificativo. 



Newsletter sign up

:*
:*
 

I consent to the processing of my personal data pursuant to article 31 of Legislative Decree 30/06/2003 n. 196 (Privacy Policy)

Download ebook

Download ebook

News

11.04.2017

Italia-Russia, circa 500 aziende italiane nel paese nonostante sanzioni Ue.

Circa 500 aziende italiane che lavorano in Russia hanno mantenuto una presenza nel paese nonostante le sanzioni Ue contro la Russia.

Learn...

22.03.2017

Mobile ed edilizia: i settori dove investire

VITALIJ MIKHAJLYUK,  

Così come emerso dall’assemblea Gim Unimpresa, con la demolizione delle “khrushchevki” si apriranno nuove opportunità di business per le imprese italiane, che avranno la possibilità di offrire i propri servizi al governo. Il progetto riguarderebbe la fornitura di materiali edili e la produzione di mobili in serie per alloggi standard

Learn...